News

Acea e l’area Idrica

Autore: FabriPalladinoPubblicato il Data:

Acea e l’area Idrica
Il Gruppo Acea è il primo operatore italiano nel settore idrico con 8,6 milioni di abitanti serviti, 760 milioni di metri cubi di acqua potabile venduta, 852 milioni di metri cubi di acque reflue depurate e oltre 1 milione e 160 mila controlli sulla risorsa potabile. Gli investimenti nel 2012 sono stati pari a 224 milioni di euro.

Il Gruppo gestisce il servizio idrico integrato a Roma e Frosinone e nelle rispettive province ed è presente in altre aree del Lazio, in Toscana, Umbria e Campania. La Società completa la qualità dei servizi offerti con la gestione sostenibile della risorsa acqua e il rispetto dell’ambiente.

Grazie all’esperienza acquisita nei decenni, l’Azienda ha sviluppato un know how all’avanguardia nella progettazione, costruzione e gestione dei sistemi idrici integrati: dalle sorgenti agli acquedotti, dalla distribuzione alla rete fognaria, alla depurazione. Particolare rilevanza è dedicata ai servizi di laboratorio. A Roma, dove è stata promossa – primo caso in Italia –  la carta di identità dell’acqua potabile, Acea esegue ogni anno circa 250.000 analisi sulla preziosa risorsa.

Condividi:
Categorie Categorie: Senza categoria

Acqua, tariffa unica regionale, c’è il sì in commissione ambiente

Autore: FabriPalladinoPubblicato il Data:

Sarà unica la tariffa che verrà applicata per l’acqua in tutti i comuni siciliani. Questo, almeno, è quanto è stato approvato oggi in commissione Ambiente all’Ars, dove sta per intraprendere il rush finale il ddl sull’acqua, prima di approdare in Aula.

Il via libera della commissione, presieduta da Giampiero Trizzino e alla presenza dei deputati M5S Valentina Palmeri ed Angela Foti, è arrivato per un emendamento del governo, fortemente voluto dal Movimento Cinque Stelle, che prevede l’omogeneizzazione delle tariffe attualmente pagate nei vari comuni, mediante l’applicazione di una tariffa media ponderata “per ragioni di solidarietà tra i territori”. L’operazione dovrebbe andare in porto nel giro di tre anni dall’approvazione delle legge sull’acqua.

“Quello della tariffa unica – affermano i deputati del Movimento Cinque Stelle – era un passaggio fondamentale a favore della lotta per l’affermazione dell’acqua come bene comune. La Sicilia è una sola e non devono esistere cittadini di serie A e di serie B. L’articolo votato ed approvato oggi segue questa direzione”.

I principi che ispirano l’articolo approvato oggi sono quello della “solidarietà tra utenti e territori, economicità, efficienza ed efficacia della gestione, tutela della risorsa acqua, completamento e ammodernamento degli impianti primari e secondari del settore idrico, previsione di premialità nella pianificazione degli investimenti per i territori con deficit strutturali”.

Si avvicina a grandi passi verso l’Aula, pertanto, la travagliatissima legge sull’acqua, per la quale il Movimento Cinque Stelle è sempre stato schierato in prima fila con un unico obiettivo: la gestione pubblica nel rispetto dell’esito referendario.

Condividi:
Categorie Categorie: Senza categoria

Lampade solari per i Paesi in Via di Sviluppo

Autore: FabriPalladinoPubblicato il Data:

Tra le nomination del prestigioso INDEX AWARD 2013, il premio internazionale di design promosso dall’organizzazione danese INDEX: Design to Improve Life®, vi è “S1″, lampada disegnata e prodotta dall’impresa sociale californiana d.Light. Questo modello, destinato alle popolazioni più povere di India e Africa, ha la particolarità di non aver bisogno dell’energia elettrica per funzionare. È sufficiente quella del sole, immagazzinata durante il giorno dai piccoli pannelli solari montati sopra.

Ormai sono molti i progetti di grandi gruppi o piccole organizzazioni con al centro il tema dell’accesso all’energia e – nello specifico – dell’illuminazione degli spazi abitativi in quelle zone depresse dei Paesi inVia di Sviluppo.

Secondo i dati dell’Agenzia Internazionale dell’Energia (IEA), sono oltre 1 miliardo e 300milioni le persone che nel mondo, ancor oggi, non accedono a moderni servizi energetici. Circa 400 milioni di queste persone risiedono in India.

I vantaggi derivanti dall’accesso a un’illuminazione moderna non si limitano alla pur importante opportunità di svolgere attività anche dopo il tramonto. Molto spesso, per le popolazioni povere nel mondo, il gesto di “accendere la luce” corrisponde a bruciare kerosene o petrolio contenuto in rudimentali e poco efficienti lampade. Un sistema altamente nocivo per la salute, costoso, e in generale, non sostenibile dal punto di vista ambientale. Tuttavia se il terzo aspetto ha riflessi importanti, ma valutabili a lungo termine, i primi due hanno un impatto immediato sulle popolazioni che vivono in abitazioni anguste, mal areate e costruite senza seguire alcun standard di sicurezza. Persone che, inoltre, si vedono costrette a impiegare le poche entrate nell’acquisto di combustibile (circa il 30% del salario per coloro che vivono con due dollari al giorno).

Condividi:
Categorie Categorie: Senza categoria

Da domani scendono le bollette: luce -0,8%, gas -3%

Autore: FabriPalladinoPubblicato il Data:

Quest’anno l’Autorità per l’Energia Elettrica e il Gas ha deciso di dare un taglio alle bollette del gasnaturale ed energia elettrica dei consumatori serviti in maggior tutela.

Con il -3% di riduzione della bolletta del gas a partire da domani, 1° ottobre, si raggiunge un taglio complessivo del 7,8% sul gas. In questa maniera, nel caso del gas, si sono azzerati tutti gli aumenti della materia prima dal 2011 ad oggi. Il calo della spesa su base annua è di circa 37 euro per il gas e, per la luce, di circa 4 euro.

L’AEEG ha poi sottolineato che “la netta diminuzione del prezzo del gas è l’effetto concreto dellariforma avviata dall’Autorità nel 2011, in un contesto di profondi mutamenti a livello nazionale e internazionale, per trasferire ai consumatori i benefici derivanti dal progressivo azzeramento dello spread di prezzo tra il mercato all’ingrosso italiano e quello dei principali hub europei; azzeramento oggi ancora valido, ad eccezione dei costi di trasporto internazionali”.

Per informare i consumatori in maggior tutela sulle principali novità della riforma del gas, è disponibile il numero verde 800.166.654.

Condividi: